Come rimettersi in gioco …

… quando anche alzarsi dal divano diventa un problema!

Il canicross è una disciplina molto affascinante, ma spesso non tutti possono intraprenderla o meglio non da subito a causa dei chili di troppo. Muoversi essendo in sovrappeso è molto pericoloso per le nostre articolazioni, per i nostri muscoli e per i nostri tendini. Questo non vale solamente per noi ma anche per i nostri pelosi con qualche chiletto di troppo. Il modo migliore per iniziare è quello di passare da uno stato di “sedentario” a uno di “camminatore” e chi meglio del nostro amico può riuscire a farci compiere questa impresa? …

Un bellissimo scorcio di uno dei nostri primi dog-trekking

Questa fase non è una perdita di tempo e può aiutare sia noi che il nostro cane. Il cammino comincia a determinare adattamenti molto importanti sia alle strutture degli arti inferiori, sia all’apparato respiratorio, sia all’apparato circolatorio, a quello endocrino e ai sistemi termoregolatori dell’organismo.

Questo ridurrà le probabilità di incappare in problemi di vario tipo quando si inizierà a correre; al tempo stesso permetterà di vivere la nuova attività in modo più piacevole e meno faticoso. Se si hanno vari chilogrammi di sovrappeso, occorre dimagrire, affidandosi ad un dietologo per noi ed ad un veterinario nel caso anche il nostro cane ne abbia bisogno. L’attività fisica abbinata ad un adeguata alimentazione è il primo passo da intraprendere se si vuole iniziare a fare canicross.

La tabella sottostante fornisce un’indicazione sui minuti di camminata da compiere, in base all’età, la prima settimana e quelli da aggiungere gradualmente.

Le sedute ideali sono tre a settimana, ma se si è in vacanza e si riposa bene, se ne possono fare anche di più, fino a cinque.
È consigliabile tenere un passo che ci consenta di respirare tranquillamente; se ci si accorge che la respirazione sta diventando affannata, occorre rallentare. Il minutaggio indicato vale per chi è vicino al peso forma e conduce una vita sana. Alle persone in sovrappeso, che fumano e bevono abitualmente superalcolici, converrà seguire le indicazioni per chi ha 5 o 10 anni più di quelli che riporta la carta d’identità. Il primo obiettivo di questa fase di cammino è quello di raggiungere o superare l’ora e mezzo consecutiva. La tabella permette di capire che un ventenne ottiene questo obiettivo in tre settimane, un quarantenne in cinque e un sessantenne in dieci.

La fase del cammino, quella che porta a effettuare almeno un ora e mezzo consecutiva, è assolutamente indispensabile per il sedentario in sovrappeso, e non è detto che sia sufficiente per metterlo subito nella condizione di correre.

I cani socializzano …

Molto dipenderà dall’età e dall’adipe in eccesso; di solito tanto più è elevata l’età tanto più è alto l’accumulo di grasso, al punto che a volte l’efficienza dell’apparato cardiorespiratorio è così compromessa da rendere difficile anche svolgere questa attività. Anche la corsa molto lenta per esempio ad otto chilometri l’ora (impiegando cioè sette minuti e mezzo a chilometro) implica una richiesta energetica pari a oltre 25 millilitri di ossigeno per ogni chilogrammo e per ogni minuto, che non può essere soddisfatta da parte di un gran numero di persone che infatti già dopo poche decine di metri hanno il fiatone.

Questo passaggio graduale alla corsa è utile anche ai nostri amici a quattro zampe, in quanto anche loro possono perdere quei chili in eccesso se ci sono e prevenire infortuni. Durante le camminate iniziali utilizzeremo lo stesso materiale che poi impiegheremo nella corsa, così da abituare il cane alla nuova attrezzatura ed insegnagli anche a stare davanti a noi, a non distrarsi, a girare e soprattutto a tenere la linea sempre in tiro.

Simba sempre attento a ciò che succede 😉

Queste passeggiate nel mondo della cinofilia prendono il nome di dog-trekking e sono importantissime per approcciarsi al canicross.
Ribadendo che la prudenza non è mai troppa non abbiate timore di iniziare e sappiate che con costanza e gradualità nulla è impossibile, soprattutto quando si è in compagnia del nostro migliore amico!

(immagine in evidenza presa dal web)

Scopri di più su Mattia e Simba

Lascia un commento

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.