Damjan Žepič

Ciao Damjan,
Dicci qualcosa di te …
Sono un ex atleta pro di triathlon, attualmente massaggiatore professionista, marito, padre e attivo in associazioni per il recupero di cani da caccia bisognosi.

Durante una tappa del TdM 2016

Quali sono I tuoi titoli sportivi sino ad oggi?
Più di 40 vittorie nel triathlon in tutta Europa. 11 Campionati del Mondo di triathlon lunga distanza, 17 volte Campione Nazionale di triathlon, una volta Campione del Mondo e 2 volte vice campione d’Europa di canicross nella categoria master. Vincitore del Trofeo delle Montagne 2016.

Dicci qualcosa dei tuoi cani …
I miei cani sono tutti bracchi presi in adozione e Euro Sled Dog provenienti da allevamenti “speciali”. Sono comunque tutti cani da lavoro che hanno molta voglia di correre.

Qual è il tuo posto di allenamento preferito?
Il bosco dietro casa mia è il posto perfetto per allenarmi. Soffice terreno collinare con abbondanza d’ombra d’estate.

Qual è il tuo ricordo più bello che hai di una gara?
Sicuramente la mia vittoria al Trofeo delle Montagne 2016. Dopo nove giorni di gare è stata un’emozione molto intensa come quelle che si provano una volta sola nella vita 🙂.

… e quale il più brutto?
Se intendi nel canicross, sicuramente la prima tappa del mio primo Trofeo delle Montagne dove ho sperimentato un brutto crollo mentale.

– Hai qualche consiglio o suggerimento da dare a chi si avvicina a questo sport?
Se ti piace condividere un po’ di sana azione insieme al tuo cane, devi fare canicross.

– Quali altri sport pratichi o hai praticato?
Non ho molto tempo per fare altri sport quindi corro ed alleno i miei cani anche con un po’ di scooterjoring.

Correndo insieme a Coppi durante una gara in Italia. Dietro di noi Mattia Minori e Simba

Qual è stato il tuo debutto?
È stata una gara in Slovenia con un cane che non era mio. Era una femmina che proprio non voleva collaborare ed anche se è stata un’esperienza negativa, è stata comunque un buon insegnamento per il futuro.

Vita da cucciolo

– Perché hai scelto questo sport?
Avevo perso un po’ di motivazione a correre da solo. Con un cane davanti è molto più facile. Tu devi solo seguire e godere della velocità. Il cane ha la motivazione sufficiente per tutti e due.

– Come ti senti quando sei “in azione” con in tuoi cani?
Con il cane siamo sempre completamente connessi a livello mentale. Proviamo, vediamo e ascoltiamo le stesse cose. Questa condizione ovviamente è raggiungibile anche con il lavoro quotidiano e non solo durante gli allenamenti. Questo è il miglior feeling che puoi avere.

– Quale pensi sia il più grosso pregio di questo sport?
Quando “lavoro” insieme ai mie cani, per un momento posso scappare dal mondo caotico delle persone. Io ed i miei cani abbiamo proprio quello di cui necessitiamo: movimento, libertà e appartenenza.

Pensi che ai tuoi cani piaccia questo sport?
Certamente amano questo spot e lo vedo ogni giorno. Ogni cane è un animale da lavoro ed i mie sono corridori, quindi hanno bisogno di correre. Questo è molto naturale per loro.

– Quant’è importante “l’armonia” tra te ed il tuo cane?
Un Team non è tale senza armonia ed è naturale che tutti i membri si sentano come fossero una cosa sola. Questo è il punto. Prima della gara sono molto rilassato. Mi fido dei miei cani e so che tutto andrà sicuramente bene.

– Qual è stata la tua gioia più grande e quale la tuo più grossa delusione?
Anni fa io e mia moglie salvammo un pointer che aveva veramente bassa fiducia in se stesso ed era tremendamente spaventato da tutto. Dopo anni di lavoro insieme, è diventato un cane felice in grado di partecipare a qualsiasi appuntamento sportivo e sempre pronto a nuove avventure.

Non ci sono delusioni nel mondo dei cani. Solo successi e desiderio di andare avanti.

– Quali sono i tuoi punti di forza e quali i punti deboli?
Non credo di avere punti di forza anche se forse per me è una questione di attitudine naturale e centinaia di gare alle spalle. Debolezza … ah ah, la mia età.

Premiazioni del Trophee des Montagnes 2016

– Quanto spesso ti alleni?
Ci alleniamo 3-5 volte a settimana con l’imbragatura da canicross, più corsa libera insieme.

– Come sei arrivato a questo sport?
È stato un mio desiderio da sempre. A causa del mio stile di vita però non ho avuto molte opportunità … almeno fino ad ora.

– Cos’è necessario per praticare questo sport? .. e non intendo solo attezzatura ma anche attitudini, capacità 😉
Nel canicross devi avere tempo, a volte nervi saldi e sicuramente felling con i cani.

– Si può praticare la tua disciplina anche con cani “piccoli”?
Il nostro cane più piccolo pesa 6 kg ed è un piccolo levriero italiano. Cani piccoli e leggeri io li consiglio ai bambini ed ai runner più lenti. Per divertirsi correndo con cani più potenti, bisogna essere pronti 😉 .

Relax e Amore 😉

– Il tuo sport deve essere considerato individuale o di squadra?
É uno sport di squadra ed ogni membro ha un ruolo fondamentale.

– Da quanto pratichi il canicross?
Pratico canicross dal 2011.

– Che cosa ha suscitato il tuo interesse iniziale?
Quando si lavora con gli animali si è più vicini alla natura ed è possibile capire e sentire cose che gli altri non possono. Inoltre hai un extra bonus: una vita sana.

– Di che razza sono i cani con cui stai correndo?
I miei cani sono cani da caccia. Alcuni sono dei Bracchi puri altri sono degli incroci con alaskani e greyhound. Alcuni più alcuni meno; Bara ha il 70% di sangue bracco mentre Trine ha il 70% di sangue alaskano.

– Qual è il tuo cane ideale?
Il cane ideale deve avere molto fiducia in se stesso, un alto potenziale energetico, una buona genetica ed il desiderio di lavorare sodo. Questo è il modello ideale del cane da corsa. Ma come ho detto prima, la sfida è lavorare con un cane non ideale.

Damjan Žepič Facebook

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.