Tessa Philippaerts

Ciao Tessa,
Dicci qualcosa di te …
Il mio nome è Tessa Philippaerts, ho 24 anni e sono nata il 12 marzo del 1992. Ho terminato i miei studi come tecnico di laboratorio ed attualmente lavoro come chimico presso i laboratori dell’azienda Borealis. Attualmente vivo ad Alken (Belgio) che è il luogo dove sono anche cresciuta. La mia idea è quella di trasferirmi in Norvegia nel giro di 2-3 anni.

Great run with Yukon ending as Vice European Champion – ECF Campionships Cirencester (UK)

– Quali sono i tuoi titoli sportivi sino ad oggi?
Quando ero più piccola ho praticato atletica leggera, correndo sia in pista che nelle corse campestri. Ho fatto anche corsa ad ostacoli e salto in lungo arrivando nelle migliori 5 in Belgio. All’età di 14 anni ho iniziato il canicross diventando molte volte Campionessa del Belgio (ho perso il conto del numero esatto) ed ottenendo buoni risultati anche nella disciplina del bikejoring. I miei risultati più importanti sono stati: 2 volte Vice Campionessa Europea e 3 volte Campionessa Mondiale (una volta nella categoria junior e 2 volte in quella elite).

Super start with Yukon at the ECF Champoionships 2016 – Nove Mesto Na Morave, Czech Republic

– Dicci qualcosa dei tuoi cani …
Ho 5 cani in tutto, due di questi, Angel e Gucci, sono dei mie genitori. Sono due whippet e sono stati i primi cani con cui io e mio padre abbiamo iniziato a gareggiare. Attualmente sono tutti e due in pensione perché hanno 11 e 12 anni di età. Poi ci sono i miei 3 cani “da corsa”. Il più vecchio ma più grande campione fino ad ora, è Yukon che viene dalla Francia (allevatrice Terry lo Casio). Ha quasi 7 anni ma ancora gareggia ad alti livelli. È un fantastico European Sleddog con una grossa parte di Alaskan Husky. Poi c’è Unix, un’Alaskan Husky (allevatrice Tamara Mulehner) di 3 anni e solo 20 kg di peso. Ha una resistenza incredibile ed è la mia perfetta compagna di allenamento; non lasciatevi ingannare dalla sua taglia, perché anche lei ha un sacco di medaglie intorno al collo 😉 . L’ultima ma sicuramente non la peggiore è Lychee. Arriva da Patrick and Barbara Wirz (Svizzera) e sta per compiere 2 anni. È un “classico” bracco e sarà il futuro del nostro team anche se ha già vinto moltissime gare nella sua prima stagione agonistica.

Qual è il tuo posto di allenamento preferito?
È un posto chiamato “de teut”; una vasta area a 25 minuti di macchina da dove vivo. Mi piace chiamarlo il paradiso perché è una zona relativamente piatta con moltissime collinette, basse e dalle pendenze dolci. I sentieri sono tutti composti da un terreno abbastanza sabbioso che è perfetto per i cani ed inoltre puoi scegliere se fare tutti single-track oppure sentieri più ampi.

Tough race in Falze di Piave (Italy) at the World Championships (2015)

– Come si svolgono solitamente i tuoi allenamenti?
La mia settimana di allenamenti è molto simile a questa: mediamente 3 sedute con delle differenze tra inverno ed estate. In base al lavoro ed alle condizioni meteorologiche scelgo se allenarmi di più o di meno. Durante l’inverno faccio due volte un allenamento di resistenza + una sessione di interval-training. Se ho abbastanza tempo aggiungo anche qualche esercizio di core-stability e/o training/power-training. D’estate faccio un allenamento di resistenza, uno di interval-training ed uno di velocità. In gran parte i miei cani si allenano separatamente, prima o dopo il mio allenamento, spesso in scooter o in free-running. Di tanto in tanto facciamo insieme anche un po’ di interval-traning.

Qual è il tuo ricordo più bello che hai di una gara?
Il più bel ricordo che ho e che avrò sempre è il mio primo Campionato del Mondo con Yukon, dove abbiamo inaspettatamente portato a casa una medaglia d’oro. Era il 2011 a Borken in Germania. Riesco ancora a ricordare le lacrime di gioia quando sono salita sul podio. Non abbiamo mai corso così veloce come abbiamo fatto in quei due giorni, tanto che siamo riusciti ad essere veloci come gli atleti senior. Una cosa simpatica da aggiungere è che quando abbiamo vinto il campionato, Yukon era con me da soli 4 mesi. È un cane eccezionale e resterà per tutta la vita il solo ed unico.

– Hai qualche consiglio o suggerimento da dare a chi si avvicina a questo sport?
Se devi scegliere un cane, prendi una razza che si addica al tuo stile di vita quotidiano (non solamente per correre). Quando prendi un cucciolo, fatti scegliere da lui! Io non guardo mai troppo a come il cane è strutturato o se è il più bello del mondo … perché se con il vostro cane non c’è feeling e lui non ha voglia di lavorare con voi, avrete solamente il cane più “cazzuto” del mondo che però non vi farà fare strada in questo sport.

I love you Unix 😉

– Ciò che è nella testa e nel cuore è la cosa più importante 😉 . Un altro consiglio … se state pensando di acquistare della buona attrezzatura (Non-stop Dogwear è la migliore 😉 ) chiedete ad una persona esperta che sa come si usa e se possibile provatela prima di comprarla. Non fate acquisti on-line senza alcuna nozione di base. Il vostro cane vi ringrazierà per questo. Spesso mi capita di vedere un sacco di persone che corrono con cani che indossato pettorine non adatte, molte delle quali troppo grandi e questo è pericoloso perché può causare degli infortuni alle spalle, etc. etc. Un’ultima cosa, se volete iniziare il canicross, bikejoring, scootering, skijoring, qualsiasi sia la disciplina scelta, non iniziate ad allenare duramente il vostro cane finché non avrà raggiunto il pieno sviluppo fisico. Non fatelo tirare per 5/10 km alla sua prima prova. Iniziate con distanze corte, anche solo 1 km; tenetelo motivato, premiatelo (molto importante) e fate che il canocross appaia come la cosa più divertente che ci sia. Una volta fatto ciò potrete iniziare a lavorare sulla distanza. Se ci pensate bene neanche un uomo che non corre da un po’ di tempo o un bambino, inizierebbero subito con una corsa di 10 km. Un cane è sicuramente in grado di correre sin da subito questa distanza ma non per questo bisogna fargliela fare immediatamente. Ricordatevi che è veramente molto facile “rompere” un cane … non dimenticate che questo è uno sport di squadra dove il vostro cane è tanto importate quanto voi e se sarete una buona squadra allora farete grandi cose.

Scooter training for me and Yukon

Quali altri sport pratichi o hai praticato?
Ho iniziato con la ginnastica quando ero molto piccola, ma dopo un po’ mi dissero che avevo troppe energie e che avrei sicuramente preferito qualcosa tipo la corsa. Così dopo la ginnastica ho iniziato heptathlon ed alla fine della mia carriera anche gli ostacoli e il salto in lungo. Ho anche giocato a badminton e per un paio d’anni anche un po’ di surf. La mountain bike invece è qualcosa che ancora faccio e che abbino ai mie allenamenti di running.

– Qual è stato il tuo debutto?
Credo che anche la storia del mio debutto sia molto divertente. Mio padre mi aveva da poco regalato la mia bellissima whippet Angel, perché voleva che mi facesse compagnia durante i miei lunghi e noiosi allenamenti di resistenza. Solitamente lei correva insieme a me slegata e qualche volta invece, tenevo in mano un guinzaglio collegato alla sua pettorina da passeggio. Un giorno mio padre mentre navigava su Internet, si imbatte in una gara di canicross, allora mi chiama e mi dice: “Hey! C’è qualcosa che fa per te”. Non ne sono proprio sicura ma credo che il posto dove si teneva la gara fosse Poeke. Il giorno stesso della gara ho comprato l’attrezzatura completa da canicross in uno stand che era sul posto. Ero così felice e desiderosa di gareggiare con la mia Angel e ricordo che ci divertimmo tantissimo! La classifica non fu un granché, infatti finimmo all’ultimo posto ma credetemi non mi interessava affatto! Stavo facendo canicross con il mio cane, ed era proprio figo!

Wonderful track with Unix – Sledderlo Race (Belgium)

Da quel giorno abbiamo partecipato a quasi tutte le gare successive e siamo riusciti abbastanza in fretta ad arrivare tra gli atleti più veloci. Angel era la miglior whippet che faceva canicross … 12 kg di potenza pura. In pratica siamo cresciuti insieme al nostro sport che proprio in quel periodo era all’inizio e si stava incominciando a diffondere nel nostro paese. Siamo passati dai 30-50 partecipanti di 10 anni fa a 150-300 di oggi, una grossa differenza.

– Perché hai scelto questo sport?
Come dicevo sopra ci siamo praticamente rotolati dentro 😉 e siamo cresciuti insieme durante questi anni.

– Come ti senti quando sei “in azione” con in tuoi cani?
Amo vedere i progressi, per quanto piccoli possano essere e quando siamo “in-action” provo a godere il più possibile di quel piacevole momento. È meraviglioso vedere come dopo un po’ si crei una profonda connessione, due menti che diventano una sola. Quando si raggiunge questa “zona” si impara ad aver fiducia del vostro cane che a sua volta si fiderà di voi. Dopo un po’ si riesce a capire in anticipo quelle che saranno le reazioni che il vostro cane avrà lungo il sentiero. Si creerà un legame indistruttibile. La collaborazione con qualcuno che si fida di te senza dire nemmeno una parola, è la migliore sensazione del mondo.

Yukon and Lychee … ready to go 😉

– Quale pensi sia il più grosso pregio di questo sport?
I più grossi benefici di questo sport sono: il vostro cane vi invoglierà ad uscire, le vostre giornate saranno meno noiose e potrete godere delle bellezze della Natura. Rimarrete sempre in forma e sarete motivati a fare sempre qualcosa. Fate attenzione perché vi farà vivere un sacco di avventure e questo è molto coinvolgente 😉 .

Pensi che ai tuoi cani piaccia questo sport?
Sono sicura che a tantissimi cani piaccia questo sport perché a loro piace moltissimo muoversi e fare qualcosa insieme al proprio amico umano. Non dimenticate che i cani hanno tonnellate di energia! Quando si deve correre i miei cani diventano tanto “matti” quanto lo diventano quando si gioca con la palla. Non appena mi vedono calzare le mie scarpe da running, la loro serenata inizia. Inoltre, la loro coda scodinzolante quando alla fine dell’allenamento gli dico che sono stati bravi, mi dice abbastanza della loro felicità!

– Quant’è importante “l’armonia” tra te ed il tuo cane?
L’armonia è la parte più importante, se voi ed il vostro cane non siete “connessi” non raggiungerete mai il vostro massimo potenziale. Ecco perché correre con un cane “in prestito” è molto difficile. Il cane sentirà la vostra incertezza al via ed allora molte cose potranno accadere. Anche se in passato ho corso con cani in prestito ottenendo anche dei buoni risultati, niente batte il piacere di correre con il tuo cane con il quale condividi un legame e non solo una corsa. La fiducia credo sia molto importante anche perché un cane è in grado di percepirla.

My wonderful 3 … left to right Unix – Yukon – Lychee

– Come ti senti prima di una gara?
Prima di una gara normale sono abbastanza rilassata perché queste gare per me sono come degli allenamenti. Sono invece super-concentrata durante i campionati quando devo riuscire a correre al mio massimo 😉 . In una gara normale cerco di ascoltare il mio corpo, in un campionato corro fino allo sfinimento.

Quali sono i tuoi punti di forza e quali i punti deboli?
La mia forza è la velocità e fino a 1,5 km sono molto veloce. Sono sempre stata una sprinter. Sono in grado di avere uno sprint iniziale e riuscire comunque a finire una gara senza bruciarmi. Se il percorso è piatto e tecnico allora è il nostro territorio! Più corto è il tracciato, meglio corriamo. La mia debolezza è sicuramente la lunga distanza e la salita e questo credo dipenda anche dal fatto che non abbiamo molte montagne in Belgio e la maggior parte dei trails dove mi alleno, sono pianeggianti. Quindi se durante una gara incontro una lunga e ripida collina, cerco solo di sopravvivere.

Qual è stata la tua gioia più grande e quale la tuo più grossa delusione?
La mia più grande gioia è per lo più quella di vedere i progressi che facciamo insieme, cercando sempre di trovare modi diversi di lavorare con ogni cane. Le mie più grandi delusioni sono quando faccio degli errori stupidi che mi lasciano frustrata e rischiano di rovinare tutta la preparazione fatta. Ho imparato a non allenarmi con i cani “attaccati” quando mi sento frustrata, perché è proprio quello il momento in cui tutto va storto. Non resto mai delusa dai miei cani … fanno sempre del loro meglio.

A warm hug to my fellow Yukon at the end of one of the best but most tough race we ran – EC ECF 2016 Czech Republic

So che sono tutte e due molto importanti ma se tu dovessi scegliere tra attitudine e motivazione per la gare di canicross, cosa preferiresti che i tuoi cani avessero?
La motivazione! La motivazione è la chiave del successo, l’attitudine è nulla senza motivazione.

Cos’è necessario per praticare questo sport? .. e non intendo solo attezzatura ma anche attitudini, capacità 😉
Per la corsa è necessario un buon paio di scarpe con sufficiente ammortizzazione e grip; una cintura appropriata che preservi la schiena dagli shock che si hanno quando il cane tira; una linea ammortizzata in grado di assorbire gli strappi e risparmiare non solo la nostra schiena ma anche quella del cane. Inoltre un imbrago che calzi a pennello (ma non troppo stretto). È inoltre necessario prepararsi adeguatamente prima di una gara o prima di cercare di raggiungere un determinato obiettivo personale. Non partecipate ad una gara di 5 km se non vi siete allenati bene o se il vostro cane non è pronto. Cercate di rimanere sempre motivati (anche il vostro cane). Dovete essere responsabili per lui, rispettandolo sempre. Lui farà tutto quello che gli chiederete, quindi non ne abusate e non chiedetegli ogni volta di oltrepassare i suoi limiti.

Si può praticare la tua disciplina anche con cani “piccoli”?
Alle nostre gare è possibile incontrare tutti i tipi di persone e di cani. Anche Chihuaua …. Tutti dovrebbero conoscere bene i propri limiti e assecondare le capacità del loro cane e le caratteristiche della sua razza. Se si rispetta questo, allora tutti e con qualsiasi cane potranno divertirsi con il canicross. Quindi sì, ogni razza può correre ma certamente non così veloce e così a lungo come alcune altre razze specifiche.

Training on our track at home

Il tuo sport deve essere considerato individuale o di squadra?
È uno sport di squadra … a partire da 2 membri si è una squadra 😉 si lavora insieme, confidando l’una nell’altro.

Da quanto pratichi il canicross?
Ho iniziato circa 10-11 anni fa con la mia whippet Angel.

Che cosa ha suscitato il tuo interesse iniziale?
Il fatto che si trattava di qualcosa che potevo fare insieme al mio cane. E il fatto che entrambi amavamo correre 😉

Perché le persone dovrebbero praticarlo?
È un bellissimo modo per mettersi in forma, rimanere in forma o semplicemente rimanere “mobili”. Il vostro cane sarà molto più tranquillo in casa e vi aiuterà a risolvere molti problemi comportamentali che in gran affliggono quei cani che fanno una vita noiosa. Vi darà la possibilità di vivere delle avventure, di vedere luoghi nuovi, di visitare altri paesi e di incontrare nuovi amici …

Ti ricordi la tua prima volta “attaccato dietro” ad un cane da corsa?
Sì! La mia prima gara a Poeke con la mia Angel 😉

Technical right hander on my Kolobezky Zenisek Scooter

Di che razza sono i cani con cui stai correndo?
Yukon è un European Sleddog, con circa il 50% Alaskan Husky il 25% di Bracco Tedesco a Pelo Corto (Deutsh Kurzhaar), il 23% di Pointer Inglese ed il 2% di Greyhoumd. Unix è un European Sleddog, con circa il 75% Alaskan Husky. Lychee invece è ciò che chiamiamo un tipico “bracco”.

Quali caratteristiche fisiche cerchi nei tuoi cani?
I miei cani devono essere tranquilli in casa e, visto che devono vivere in gruppo, essere anche ben socializzati. Possono essere un po’ pazzi quando sono imbragati fuori ma, quando si corre, non sono assolutamente autorizzati a disturbare gli altri cani. Insomma devono essere sia cani da appartamento che cani da corsa.

Tessa Philippaerts FB