Ode ar preservativo

Il bosco è il nostro posto. Quando potevamo ci andavamo quasi quotidianamente.
🌲🌳🌲 – 🌲🌳🌲

Ghigo “ammira” il bosco

A futura memoria di chi un domani leggerà questo articolo, apro una parantesi per specificare che dico “potevamo” perché purtroppo, a causa della pandemia da Sars-CoV-2 meglio conosciuto come Coronavirus, che affligge il mondo ormai da più di 4 mesi, in Italia sono state vietate le corse “lontano da casa”.

Torniamo al “nostro” bosco che purtroppo però, è molto frequentato anche da grandissimi zozzoni.
Tra questi degno di nota è sicuramente l’automobilista trombatore che, dopo essersi sollazzato per un po’, apre il finestrino e, oltre a fumarsi la metaforica sigaretta, butta tutto per terra. 🤢 ❌ 🤢

Ecco, lo schifo di tutti i fazzoletti e i preservativi incartapecoriti che abbiamo incontrato un sacco di volte, ha comunque ispirato questo componimento novenario (ndr che parole serie! 😂).

Ve lo proponiamo così com’è venuto fuori, senza nessuna velleità poetica ma con il duplice scopo di perculare sti grandissimi sporcaccioni e, auspicabilmente, spingerli a pensare che sarebbe meglio non si comportassero così.

– –
Ode ar preservativo
– –

Abbracci naturali

Ecco ‘n piccolo sonetto
dedicato a quer pischello
che se gonfia fiero er petto
quanno deve usà er pisello.

Lui la sera s’accompagna
co n’amica sua allupata
poi s’anfratteno ‘n campagna
e se fanno ‘na scopata.

Ho capito amico caro
tu dar bosco voi ‘n riparo
però a stronzo nun è bello
che poi lasci ‘n gran macello.

Come quanno vai a mignotte
senza manco da’ du’ botte
come ‘n zozzo primitivo
butti via er preservativo.

Io ‘n te dico nun trombare
però cocco fai er favore
quanno hai fatto nun buttare
ciò che resta der tuo ardore.

Dai, te prego mo’ più tardi
anche grazie a sti versetti
dopo i botti e li petardi
t’ariporti i fazzoletti.

Stamme a sentì, damme retta.
Cresci! Daje ‘nfa’ er munello.
Fa’ sta cosa assai coretta
e sto grande gesto bello
te fa fa’ ‘na gran tripletta
e ‘nte fa’ cascà l’uccello!

– – –
Non me ne vogliano gli scrittori quelli bravi e seri… peace!

Ode ar preservativo – di Stefano Battaglini @poeta.no.grazie