Amato correre

Ho incontrato il mio dolcissimo Ghigo proprio correndo.
Ci siamo conosciuti durante una mia corsa e la storia del nostro incontro (link Quel giorno in cui), è diventata il preludio di una lunga amicizia piena di tantissime avventure insieme, vissute tutte correndo.

Una nostra strana corsa durante la quarantena

Al nostro correre a 6 zampe ho dedicato un sacco di articoli, ricchi di emozioni e sentimenti dedicati ad un’attività che è in grado di connettere profondamente l’uomo e il suo adorato cane.

6 zampe, 4 polmoni, 2 cuori… un’anima!
Questo il nostro motto che sancisce un legame indissolubile.

Il tutto però nasce dalla mia smisurata passione per la Corsa, con la C maiuscola. Per una disciplina in grado di regalare profonde sensazioni che vanno ben oltre il mero piacere fisico.
Ecco perché ho deciso di dedicare al mio amato correre, una poesia che voglio condividere con tutti voi.

Corro,
vivo è il mio corpo nel suo movimento.

 

Rivoli di sangue dinamico
abbeverano le mie energie.

 

Strada ripida da respirare,
fatica di un viaggio utile
ad apprezzar la cima.

 

Passi calpestano note di sentieri diversi.
Suoni di nero asfalto muoiono;
rumori di terra bruna nascono.

 

Braccia arrotano l’aria.
Spigolosi e lucidi gomiti,
sfiorano vie di fianchi scavati.

 

Delicato equilibrio di alternati gesti.
Indefinito margine della mia dimensione,
confine del dentro che s’appoggia al fuori.

 

Ritmico incedere muove sopite fantasie.
Cadenza scandita
feconda idee sospese e vitali.
Pensieri nascono liberi, leggeri, fervidi,
vivi ben oltre la soglia del luogo.

 

Sinergico rincorrersi di muscoli e anima.
Connubio perfetto;
essere e sentirsi.
Intima percezione.
Conoscenza,
profonda, interiore.

 

Amato correre,
metafora di vita.
Sottile confine tra smorfia e sorriso.

“Amato correre” – Stefano Battaglini @poeta.no.grazie